Siti
Annunci di Lavoro

La Diffamazione a Mezzo Stampa

Il Diritto di Cronaca e di Critica e il Reato di Diffamazione

Il reato di diffamazione tende a scontrarsi con il diritto di cronaca il quale, tuttavia, può essere esercitato quando la notizia che potrebbe risultare lesiva per l'onore dell'interessato sia vera ed esista interesse pubblico alla sua diffusione.

In altre parole un giornalista è libero di divulgare notizie che siano frutto di un approfondito lavoro di ricerca dei fatti, i quali peraltro devono essere divulgati nella loro interezza senza che vengano taciuti aspetti fondamentali per consentire al pubblico di formarsi un'opinione. Il giornalista, inoltre, deve rispettare i limiti di continenza e deve esistere un interesse pubblico che motivi la divulgazione delle notizie potenzialmente diffamanti. 

Il tema è certamente interessante e non solo per la tradizionale carta stampata ed il giornalismo televisivo, ma anche per le nuove opportunità connesse ad internet con il relativo fiorire di siti di news e blog che pongono inevitabilmente il problema della tutela dei diritti di cronaca e di critica contestualmente alla protezione dell'onore delle persone, tutt'al più considerando che di frequente si tratta di siti finanziariamente poco solidi per i quali una causa civile con relativo risarcimento danni solleva comprensibili timori.

In merito alle cause civili per diffamazione a mezzo stampa o con altro mezzo di pubblicità ricordiamo, infine, che è attualmente previsto il tentativo di conciliazione obbligatorio di fronte ad un mediatore, il quale cerca di raggiungere un accordo economico fra le parti senza entrare nel merito di chi abbia ragione o torto. 

Navigare Facile